Blog - Ultime notizie

Gay Marriage: the Brits do it better.

matrimonio gayCi sono persone, donne e uomini che normalmente non amiamo e di cui spesso non condividiamo nulla, ma che meritano rispetto anche per una sola loro scelta.

E’ il caso di David Cameron e di Lynne Featherstone. Il primo è il Premier inglese mentre la seconda è la ministra per le pari opportunità del governo di Cameron. Sono due tories, due persone di destra. Conducono con il loro governo politiche liberiste e, spesso, antieuropee che proprio non ci vanno giù. Sono sostenuti da un partito che ha larghe e importanti frange molto conservatrici e dalla Chiesa Anglicana. E fin qui quello che non amiamo e che non condividiamo.

Ma sono, Cameron e Featherstone, due persone che hanno il coraggio di fare delle scelte. Di fare quello che è chiesto alla politica: prendere decisioni. E loro hanno scelto di stare dalla parte di lesbiche e gay e hanno deciso che è il momento di allargare l’istituto civile del matrimonio anche alle coppie omosessuali. Contro il parere di parte del loro partito e la dura campagna che sta conducendo la Chiesa anglicana.

Secondo quanto riporta l’Indipendent il processo è ormai avviato e negli auspici del governo il primo matrimonio omosessuale sarà celebrato entro il 2015.

E’ una scelta coraggiosa. Che, come detto, ha una fortissima opposizione da parte della chiesa locale. E sapete cosa ha risposto la ministra Featherstone? “Credo che se una coppia si ama e vuole impegnarsi per una vita in comune, dovrebbe avere la possibilità di celebrare un matrimonio civile, a prescindere che si tratti di una coppia di omosessuali o di eterosessuali. Non vogliamo cambiare il matrimonio religioso, o chiedere ai gruppi religiosi di andare contro le proprie tradizioni.”

Ecco il nodo sta proprio lì. Quello che i nostri politici (ve li ricordate? quelli che c’erano prima del Governo Monti…) non capiscono: istituire il matrimonio per le coppie omosessuali significa offrire un’opportunità, non imporre un obbligo.

Come diceva un bellissimo slogan di tanti anni fa: Don’t you like gay marriage? Don’t get gay married.

 

Daniele Viotti