Blog - Ultime notizie

Daniele Viotti Eurodeputato

Era marzo del 2008 quando dopo un inverno passato a ragionare su cosa fare per la nostra comunità io, Alessandro Battaglia, insieme a Daniele Viotti, Silvia Magino, Andrea Curti, Marco Ghigo e molti altri che precedentemente realizzarono il progetto Queever, decidemmo di fondare l‘Associazione LGBT Quore. Da quel momento la nostra attività e la nostra passione per la tutela delle persone LGBT e la lotta per i nostri diritti divenne una missione. Cementata un’amicizia scontata siamo cresciuti e abbiamo coinvolto sempre più persone che condividevano e condividono i nostri obiettivi.

Ricordo bene il nostro complicato ingresso nel Coordinamento Torino Pride e l’ impegno per la prima grande campagna per il Matrimonio Egualitario, “Vorrei ma non posso” che, insieme agli amici del Queever, fu un incredibile successo.

Poco prima, era il 2010, nasceva Friendly Piemonte che grazie al sostegno di Mercedes Bresso, Presidente della Regione Piemonte, vide la luce.

Oggi Friendly Piemonte – Omofobia No Grazie sta per superare i confini del suo nome e Daniele Viotti partirà per il Parlamento Europeo.

Ricordo ancora quando Daniele venne a comunicarmi delle sue intenzioni di candidarsi alle europee e ricordo anche il mio disappunto per non avere scelto la Regione. Il mio supporto era scontato ma il lavoro fatto sul nostro territorio mi faceva pensare ad un maggiore successo alle regionali. Ammetto che il lavoro fatto da Daniele durante la campagna elettorale è stato incredibile e gigantesco ma ero certo che il suo impegno sarebbe stato di altissimo livello.

Poche righe per una storia breve, intensa e piena di fatica ma certamente fantastica.

Sono certo che l’esperienza, l’impegno e la passione di Daniele serviranno dalle parti della super burocrazia europea e sono ancora più sicuro del fatto che i nostri temi saranno sempre al centro dell’attività che lui porterà avanti.

In bocca al lupo e congratulazioni Daniele Viotti.

Alessandro e tutti e tutte le volontarie di Quore

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *