It’s Election Time

di Silvia Magino – Associazione Quore

daniele viottiQuasi un anno di lavoro è trascorso dalle prime fasi di progettazione di Vorrei ma non posso, It’s wedding time, la grande campagna di sensibilizzazione sul matrimonio ugualitario in Italia. Un anno che ha visto una crescente partecipazionedi persone, istituzioni e organizzazioni che si sono unite, negli intenti e nell’impegno,all’Associazione Quore e a Queever, enti promotori della campagna. Un anno che non solo ci ha cambiato profondamente a livello umano e personale mache ha rimodellato le prospettive del progetto e trasformato la nostra stessa forza immaginativa.
Abbiamo sviluppato gli strumenti di comunicazione della campagna in un processo straordinario di partecipazione collettiva e questo ci ha restituito non solo grandevisibilità ma l’occasione di un confronto diretto con i partiti, le istituzioni, i leader politici del paese.

Qui il nostro canale Youtube con tutte le interviste.

L’esito di questo confronto ha di volta in volta, deluso, incoraggiato, provocato, irritato ma non ha mai distolto la nostra attenzione dagli obiettivi forti di questa operazione; abbiamo capito, in sostanza, che siamo diventati un soggetto politico con un portato che merita non solo pieno riconoscimento ma rappresentanza nelle sedi parlamentari.
Per questo, crediamo che Quore e Queever possano, e in fondo debbano, essere garanti affinché queste istanze, in primis matrimonio ugualitario anziché parziale concessione di diritti, possano essere inserite nell’agenda delle attività parlamentari e non restino pertanto come voce inascoltata di migliaia di cittadini e cittadine.
Per queste ragioni e per senso di responsabilità chiediamo al portavoce della nostra campagna, Daniele Viotti, di candidarsi alle imminenti primarie per la Camera che il Partito Democratico, partito a cui è iscritto da molti anni, organizzerà in visita delle prossime elezioni politiche. A chiederlo non sono solo i volontari e le volontarie dell’Associazione Quore ma quella fetta di società civile che abbiamo incontrato soprattutto nella nostra città Torino, e non solo, che ha a cuore i temi dei diritti lgbt. Siamo sicuri che la candidatura di Daniele, oltreché incontrare il favore di molte e molti che ci hanno seguiti in tutti questi mesi, non possa che arricchire il dibattito suidiritti… e forse non solo!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *