Educazione

Attraverso la relazione con le istituzioni, le iniziative con gli associati e una crescente attività di Vorrei Ma Non Possoprogettazione culturale, l’Associazione intende favorire il dialogo sui diritti civili e sulle pari opportunità per tutti non solo in ambito nazionale ma anche con una particolare attenzione al panorama internazionale. In questa prospettiva l’associazione propone iniziative di informazione e sensibilizzazione sia verso target specifici che verso target piùampi.L’Associazione Quore persegue i propri obiettivi attraverso una progettazione integrata che utilizza strumenti diversi, dalla comunicazione sociale al networking, dal marketing sociale alla ricerca, dalla produzione di audiovisivi all’arte.In quest’ottica nasce il progetto: “Vorrei Ma Non Posso – Progetto di sensibilizzazione sulle tematiche LGBTQ negli istituti secondari di secondo grado” che si rivolge sia alle strutture scolastiche che a momenti di dibattito più ampi come assemblee associative, conferenze e incontri culturali.Lo scopo è la sensibilizzazione di utenti, studenti, personale scolastico e genitori sul temi della discriminazione di genere, bullismo in particolare quello a stampo omofobico e sul dibattito sociale/culturale/istituzionale inerente al matrimonio egualitario e all’omogenitorialità. L’incontro, della durata di circa due ore, prevede una breve introduzione ai concetti legati all’identità sessuale, quali orientamento sessuale, identità di genere, ruolo di genere e alle definizioni di omofobia e bullismo omofobico.Il pubblico quindi assisterà alla visone di un estratto del documentario di Enzo Facente: “Vorrei ma non posso. It’s wedding time. Il film”, il racconto corale della campagna di sensibilizzazione sul matrimonio egualitario nata a Torino e promossa dall’Associazione Quore e da Queever.Ulteriore strumento didattico sarà fornito dalla distribuzione e commento di apposite cartoline che possano rispondere ad eventuali dubbi e chiarimenti sul tema del matrimonio omosessuale.Gli incontri si svolgono con metodologia partecipativa per favorire un confronto aperto tra studenti/esse e volontari dell’Associazione Quore.
Per richieste e/o maggiori informazioni scuole@quore.org